Amigurumi: ciò che c'è da sapere e imparare

Da: Marina Nardone A In: Root Data : Commenta : 0 Like: 91

Chi è alle prime armi, o semplicemente non ha mai fatto un amigurumi, sono molte le cose che bisogna sapere al riguardo. Partiamo dalle origini.

L’origine

Le prime bambole fatte a mano non si quando siano state precisamente realizzate. Si sa però che gli amigurumi giapponesi hanno le proprie origini risalenti agli anni 60/70 durante l'onda della moda del "kawaii". Il nome ha etimologia giapponese, ossia "Ami" che vuol dire maglia e "nuigurumi" che significa creatura di pezza.

I materiali necessari

Sono pochi i materiali che servono per poter realizzare un Amigurumi, ovvero:

·         filati in lana acrilica o in cotone

·         uncinetto adatto al tipo di filato che hai scelto

·         forbicine

·         ago da lana

·         fermapunti (facoltativi)

·         Occhietti per pupazzi (facoltativi)

Le basi degli amigurumi

Sono cinque le basi per un amigurumi, e sono molto semplici. Queste sono:

-           l’anello magico,

-           la lavorazione in tondo,

-           la maglia bassa,

-          gli aumenti classici

-           le diminuzioni invisibili.

La maglia bassa la conosce anche chi è alle prime armi. L'anello magico può essere fatto in diversi modi. Le cose più importanti sono la regola del cerchio perfetto e la lavorazione in tondo. Se ancora non si è in grado di fare cerchi perfetti meglio esercitarsi un po'. Per quanto riguarda gli aumenti è necessario solo fare due maglie basse nello stesso punto di base, invece per le diminuzioni è molto importante non utilizzare il metodo classico bensì imparare in che modo vanno fatte le diminuzioni invisibili.

Commenti

Lascia il tuo commento